Pignoramento prima casa: è possibile?

Eventuali limiti al pignoramento della prima casa. La sospensione al tempo del Covid – 19

La sacralità della tua abitazione, acquistata dopo anni di sacrifici oppure ancora da pagare, visto il mutuo trentennale tuttora in corso, ti porterebbe a pensare che sia inviolabile. Ovviamente non mi sto riferendo ad un attacco dei tuoi nemici, stile medioevale, ma alla possibilità che i tuoi creditori possano pignorarla. A questo proposito, saresti convinto che debba esserci, per forza, qualche legge che la protegga dalle grinfie dei tuoi creditori: è così oppure ti sbagli?

Potresti pensare che la tua ex moglie non possa certo pignorarla per il mancato versamento dell’assegno divorzile concordato oppure sei convinto che la finanziaria, dalla quale hai avuto un prestito mai restituito, non possa aggredirla perché è l’unico bene che possiedi. Nel contempo, saresti sicuro che lo Stato, per tutte quelle cartelle esattoriali in sospeso, non abbia la possibilità di procedere esecutivamente nei confronti del tuo immobile. Ad ogni modo, il dubbio ti resta e, pertanto, ti chiedi: il pignoramento della prima casa è possibile?

In questo mio piccolo contributo scritto, lo scopo è quello di chiarirti le idee su questo argomento. Esse sono spesso ingarbugliate dalla miriade di disposizioni normative emanate in tante materie e frequentemente in grado di confondere anche gli addetti ai lavori. Quindi, vediamo insieme se la banca, l’ex moglie o il fisco possono pignorare o meno la tua prima casa. Procediamo?

L’ex moglie può pignorare la prima casa del coniuge?

Dopo un sofferto matrimonio, culminato con la separazione e definito con il successivo divorzio, hai concordato con la tua ex un assegno divorzile in un’unica soluzione. Purtroppo, però non hai provveduto al pagamento della somma pattuita e, per questa ragione, temi che il coniuge possa avanzare pretese, di natura esecutiva, nei tuoi riguardi. In particolare, sei preoccupato che possa pignorare la tua casa, cioè quell’unico immobile, avuto in eredità dai tuoi genitori, nel quale sei andato a vivere dopo il divorzio. Insomma, ti chiedi: l’ex può pignorare la prima casa del coniuge?

La risposta alla predetta domanda è, purtroppo, positiva. La tua ex moglie può infatti pignorare il tuo immobile, anche se si tratta della cosiddetta prima casa, per qualsiasi credito dovesse avere nei tuoi riguardi (in ciò, il caso sopra riportato è solo un esempio). Pertanto, mi dispiace dirtelo, ma non puoi dormire sogni tranquilli se sei debitore del tuo ex coniuge.

La banca può pignorare la prima casa del debitore?

Come debitore di una banca, si possono distinguere due ipotesi: quella in cui l’istituto ti ha concesso il mutuo, che purtroppo non riesci a rendere regolarmente, e il caso in cui la banca ti ha concesso un prestito personale che non hai restituito, in parte o tutto.

Ebbene, in entrambi i casi citati, il creditore ha la facoltà di pignorare il tuo immobile e non c’è alcuna limitazione che possa incontrare, solo perché si tratta della tua abitazione principale. Pertanto, anche per questa evenienza, non sei protetto dal fatto che si tratta dell’unico bene a tua disposizione; la banca o la finanziaria di turno avranno, infatti, la possibilità di pignorare la tua prima casa.

Il fisco può pignorare la prima casa del debitore?

A questo punto, potrai pensare che io sia un menagramo; in fondo, ti sto dando tutte brutte notizie e sto cancellando ogni tua certezza che, invece, avevi sull’inviolabilità della tua abitazione. Eppure, a proposito del fisco e, in particolare, delle iniziative che, per esso, può assumere l’Agente della Riscossione, devi stare più tranquillo.

Per i debiti in questione, infatti, compresi quelli dovuti a seguito delle tante cartelle esattoriali che ti affliggono, non è consentito il pignoramento della prima casa. È la legge [1] a sancire questa regola precisando che, tale limite, opera soltanto alle seguenti condizioni:

  • si deve trattare dell’abitazione civile e accatastata come tale, in cui il cittadino/debitore ha stabilito la sua residenza;
  • non deve essere un immobile di lusso. Per intenderci, una villa classificata catastalmente con la categoria A/8 o, addirittura, un edificio di particolare pregio storico, cioè come quello rientrante nella tipologia A/9, possono essere pignorati;
  • deve essere l’unico immobile di proprietà del contribuente.

Pertanto, il limite scompare se sei proprietario di più immobili. Per evitare che il fisco possa agire indiscriminatamente, dovresti rimanere con un’unica abitazione ed eleggere residenza in quella.

Non dimenticare, inoltre, che in tutti i casi, l’Agenzia delle Entrate Riscossione può pignorare un immobile:

  • soltanto se il debito del cittadino supera l’ammontare di 120.000 euro;
  • se il valore dei beni immobili del debitore sia superiore a 120.000 euro;

Pertanto, se non ricorrono le predette condizioni, può dormire sogni tranquilli.

Pignoramento prima casa e Covid-19

Un piccolo cenno all’attuale situazione normativa, dovuta ai provvedimenti emanati dal governo per fronteggiare l’attuale emergenza sanitaria, è doveroso. Ebbene, è stata stabilita la sospensione dei pignoramenti della prima casa sino al 31 ottobre 2020, cioè per sei mesi successivi all’entrata in vigore della legge [2] che ha convertito il decreto emanato, anche a tale scopo, nel mese di marzo [3].

Pertanto, tutti coloro che hanno in corso un pignoramento della prima casa potranno avere un periodo di relativa calma per questa ragione.

NOTE

[1] Art. 76 co. 1 lett. a) Dpr 602/1973

[2] L. 27/2020 entrata in vigore il 30.04.2020

[3] Art. 54 ter Dl 18/2020

2 risposte a “Pignoramento prima casa: è possibile?”

  1. Quindi mi può confermare che avendo una cartella esattoriale di circa 15mila euro, l’agente della riscossione non può pignorarmi nessun immobile?

    1. Si certo, inoltre essendo il suo debito complessivo inferiore ai ventimila euro non sarà possibile nemmeno procedere ad ipoteca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.